C.I.T.E.S

Quando parliamo di  Cites in realtà intendiamo i documenti che devono accompagnare per tutta la vita il nostro pappagallo con i riferimenti della denuncia a fini Cites.

La Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione-denominata in sigla C.I.T.E.S.- è nata dall’esigenza di controllare il commercio degli animali e delle piante (vivi, morti o parti e prodotti derivati). Serve a proteggere le specie a moderato o grave rischio estinzione ed ha anche la funzionalità di censire le specie ed il numero di soggetti.

Quando un pappagallo viene regalato, ceduto o venduto, deve essere per legge accompagnato da un certificato di cessione, riportante le generalità del cedente e del nuovo proprietario, oltre agli estremi della denuncia di nascita o del precedente certificato di cessione (solitamente numero di protocollo, ufficio CITES competente e data della denuncia di nascita).

Nell’allegato B esistono 4 eccezioni prive dell’obbligo di denuncia di nascita, di cessione o di anello (ma consigliato!) e sono:

cites01   cites02
Melopsittacus Undulatus (Ondulato o Cocorita)  

Psittacuka Krameri (Parrocchetto dal collare)

cites05   cites06
Agapornis Roseicollis (Inseparabile collo rosa)  

Ninphicus Hollandicus (Calopsite)

 

 

E sono presenti altre due eccezioni prive dell’obbligo di denuncia di nascita e di cessione SOLO SE ANELLATE con anello inamovibile e sono:

cites03   cites04
Cyanoramphus Novaezelandiae

(Kakariki fronte rossa)

  Psephotus Dissimilis

(Pappagallo dal cappuccio nero)

Per quanto riguarda i soggetti in allegato A, quindi a grave rischio di estinzione, la legge è ancora più restrittiva e severa.

È indispensabile informarsi all’ufficio CITES competente della propria zona su quali siano i documenti necessari per la detenzione del pappagallo, prima di prendere l’animale.

Qualsiasi eccezione a quanto previsto dalla normativa CITES è da considerarsi a tutti gli effetti un reato.

Non esistono motivazioni o pretesti per giustificare la mancanza di un certificato CITES, che è un documento gratuito! Chi non vi regolarizza con i documenti del vostro nuovo pappagallo sta di fatto esponendovi al rischio di pesanti sanzioni, oltre a non permettervi in futuro di poter regolarizzare eventuali cove.
Affidatevi solo ad allevatori seri che vi forniscano tutte le informazioni relative ai documenti del vostro futuro animale.

Il certificato CITES deve essere rilasciato dall’allevatore nel momento in cui il pappagallo vi sarà consegnato e deve seguire da subito l’animale in ogni suo spostamento.
Per qualsiasi dubbio informatevi prima di portare a casa il pappagallo.

Per maggiori informazioni: WWW.CITES.ORG



Print Friendly, PDF & Email
© vitadapappagalli.org 2015-2018
Scroll Up