Le zampe dei pappagalli sono zigodattile, hanno cioè due dita (2 e 3) rivolte in avanti e due indietro (1 e 4), questo le rende particolarmente adatte alla presa, ad arrampicarsi e ad afferrare oggetti e cibi.

I pappagalli, quando non volano, passano quasi tutto il loro tempo in piedi.

La presa delle zampe è data anche da una contrazione involontaria dei tendini, che permette al pappagallo di essere saldamente appollaiato senza che sia richiesto un imponente lavoro muscolare: infatti riescono a riposare anche su una zampa sola!

E’ interessante sapere che la temperatura corporea normale dei pappagalli è intorno ai 40/ 41°C: le loro zampe saranno quindi più calde delle vostre mani! La loro temperatura può facilmente scendere o salire temporaneamente, sotto l’effetto di un’emozione o di uno sforzo.

zampe03

È importante che le unghie non siano troppo lunghe, non solo per evitare che si facciano male e che facciano fatica ad avvolgere il posatoio con la zampa, ma soprattutto per evitare che si impiglino nei giochi o negli oggetti presenti in gabbia, causando situazioni di pericolo per l’animale.

Le zampe dei pappagalli sono infatti molto irrorate di sangue ed un’unghia strappata può causare una perdita di sangue davvero copiosa! In casi di piccoli incidenti e conseguente perdita di sangue è utile disinfettare subito la zona con un buon disinfettante.

Per questo motivo se le unghie sono troppo lunghe e necessitano di essere tagliate non affidatevi mai al fai da te, ma rivolgetevi ad un veterinario esperto: ogni artiglio ha un nervo con apporto di sangue ed un taglio non eseguito correttamente causerà non solo dolore all’animale, ma anche un’ingente perdita di sangue. Non è raro incontrare pappagalli senza unghie,  perse magari in tenera età a causa dei genitori o per lotte con altri soggetti: la loro vita prosegue tranquillamente e l’assenza delle unghie non influisce sul loro benessere a lungo termine.

Quando le zampe si mostrano sfaldate, ispessite oppure con croste significa che qualcosa non va: il problema potrebbe avere origini varie, come ad esempio malnutrizione, infezioni o malattie parassitarie, ma la causa potrebbe essere ricercata anche nei posatoi di dimensioni e materiali errati. In questi casi è necessario comunque consultare uno specialista in pappagalli.

I posatoi in gabbia

Zampe di un ara

I posatoi in gabbia devono essere confortevoli per l’animale, sono preferibili quelli in legno naturale, non lisci e uniformi (rami presi in posti sicuri, né tossici né trattati e sempre ben lavati), in modo che il cambiamento di forma fornisca diverse percezioni all’animale, oltre che sollecitare muscoli differenti in modo alternato. Anche i posatoi in corda sono una buona scelta, ma devono essere puliti e disinfettati periodicamente per evitare l’accumulo di microrganismi all’interno e sostituiti se troppo sfilacciati. per evitare pericolosi incidenti.

In commercio esistono anche posatoi lima unghie, ma è importante non siano troppo abrasivi per non rovinare la pianta della zampa, che è una parte molto sensibile. Questo tipo di posatoio non deve essere l’unico presente in gabbia ed è bene posizionarlo in zone dove il pappagallo passa di frequente, ma senza sostare troppo. Il punto ideale in cui sistemarlo è vicino alle ciotole: questo consente al pappagallo di transitarci per un tempo limitato al momento del pasto ed è sufficiente a limare l’unghia senza sollecitare troppo la pianta del piede.

zampe

Sono sconsigliati posatoi in plastica zigrinati e concavi (poiché essendo cavi raccolgono all’ interno sporcizie difficili da pulire, inoltre in inverno se tenuti all’esterno diventano freddi) ed anche posatoi lima unghie auto-realizzati con la carta vetrata o altri materiali troppo abrasivi che rischiano di rovinare le zampe. Per quanto riguarda la posizione in cui collocare i posatoi è utile installarli a diverse altezze, incentivando così il pappagallo a muoversi all’interno della gabbia, ovviamente evitando di posizionarli sopra a ciotole di cibo ed acqua per evitare che gli escrementi vi cadano all’interno.

Per un benessere delle zampe sin dal primo momento è importante, in base alla specie, sistemare con materiale idoneo anche il fondo del nido, perché un buon fondo permette al pullo di mantenere le zampe in posizione corretta. Nel caso in cui le zampe assumano ugualmente una posizione sbagliata è importante agire tempestivamente e consultare un veterinario aviario, perché più il pullo è grande e più è difficile recuperare la displasia



Print Friendly, PDF & Email